Categorie
Comunicazioni

Il commento

MAIS: SOLDI (AMI), BENE INTERVENTO
MIPAAF A SOSTEGNO MAISCOLTORI
 
2916 – roma (agra press) – l’associazione italiana maiscoltori-ami “saluta con grande soddisfazione l’intervento economico del mipaaf a sostegno dei maiscoltori”. “il decreto con il quale vengono stanziati undici milioni di euro per il mais coltivato in ambito dei contratti di filiera va ad irrobustire le iniziative portate avanti in questi anni dai maiscoltori e dalle altre componenti della filiera”, afferma l’ami, nel sottolineare che “cosi’ all’accordo quadro appena siglato ed al tavolo tecnico del mais costituito dallo stesso mipaaf si aggiunge anche la componente economica che avevamo chiesto”. “per questo intervento ringrazio la ministra teresa BELLANOVA ed il sottosegretario giuseppe L’ABBATE”, afferma cesare SOLDI, presidente di ami. “il decreto competitivita’ delle filiere estende il modello contratti di filiera del grano duro anche al mais con un contributo pari a 100 euro per ettaro coltivato nell’ambito di contratti di filiera di durata almeno triennale, nel limite di 50 ettari a beneficiario”, spiega l’ami, nel precisare che “lo stanziamento previsto per il biennio 2020-2021 ammonta a 11 milioni di euro complessivi”. “cosi’, sommando gli sforzi rispetto a quanto riconosciuto oggi dal mercato, anche grazie all’accordo quadro appena raggiunto, si puo’ stimare un incremento di circa 16/18 euro/t o 23-25 euro/t (a seconda dell’opzione concordata) di reddito per l’agricoltore”, prosegue SOLDI, che afferma: “un buon passo per iniziare a salvare il mais nazionale, in crisi da anni”. “salvare il mais italiano non significa solo assicurare lo sviluppo delle filiere delle nostre produzioni di eccellenza (formaggi e salumi d.o.) ma anche lo sviluppo sostenibile economico, sociale ed ambientale del nostro territorio”, evidenzia SOLDI, nel concludere che “l’accordo di filiera e l’impegno del mippaf significa anche che il dialogo aperto con tutti i portatori di interessi puo’ portare solo buoni frutti”. 01:04:20/11:15

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *